Vulcani del nord


Fuerteventura, isola di sabbia e lava

I vulcani di Corralejo e El Cotillo

Fuerteventura, dal punto di vista geologico, è ritenuta la più vecchia delle Isole Canarie. La sua strana forma venne creata da una serie di eruzioni vulcaniche, molte migliaia di anni fa.

Da Nord a Sud, l’intero territorio è costellato da vulcani spenti, alcuni davvero enormi: tra i più visitabili ci sono i vulcani del nord, tra le città di Corralejo e El Cotillo.

Corralejo si estende a ovest fino alle pendici di Morro Francisco, un antico vulcano con forma a emiciclo, molto facile da esplorare  (anche se consigliamo sempre scarponcini adatti e riserva d’acqua). In poco meno di un’ora si può giungere fino alla sommità e ammirare la bocca del vulcano dall’alto, costellata da “disegni” fatti dagli esploratori e dai turisti muovendo le pietre del fondo. Non c’è sorveglianza, quindi si consiglia massima attenzione sia nella salita che in discesa. 

 

A lato di Morro Francisco una piccola strada sterrata (facilmente percorribile) porta a qualche centinaio di metri dal Vulcano Bayuyo e dalla meta finale, il Calderón Hondo. Per quest’ultimo, arrivare alla sommità è abbastanza facile: si prosegue a piedi su sentieri di pietra fino alla salita, faticosa solo negli ultimi cinquanta metri, un po’ più ripidi.

Lo spettacolo dall’alto è assolutamente magico. La bocca del Calderón Hondo, come si deduce dal nome, è quasi del tutto circolare e profonda. Si avverte un magnetismo incredibile, una forza naturale quasi mistica.

 

Questi vulcani si sono formati circa 50.000 anni fa, ampliando la forma di Fuerteventura verso nord e creando l’Isla De Lobos: dall’alto del piccolo “mirador”, a 278 metri s.l.m. (eventualmente costeggiando la bocca del vulcano con molta cautela) si possono osservare a 360 gradi i dintorni, con la serie di vulcani a sud ovest, il parco delle Dune a est e con El Cotillo, Majanicho (ovest) e la costa di Lanzarote a nord.

Ma senz’altro uno dei più grandi e meglio conservati tra i paesaggi naturali dell’isola di Fuerteventura è senza dubbio il vulcano di Caldera de Gairía: si trova al centro dell’isola, nei pressi del paese di Tiscamanita.

È possibile visitare il vulcano da agosto a marzo (gli altri mesi la zona è inaccessibile perchè qui nidifica una specie protetta), e per salirvi si prende il sentiero che parte da Casillas de Morales (proprio a Tiscamanita), seguendo sempre la sinistra accompagnando la forma della montagna. 

Per le escursioni è possibile utilizzare l’auto e lasciarla nei pressi delle pendici dei vulcani.

 

This post is also available in: Inglese

Previous Fuerteventura, Corralejo
Next Città di Fuerteventura: Puerto del Rosario

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *